sabato, luglio 09, 2011

tornata dai sogni...

La mia culla era a fianco alla biblioteca, 
oscura Babele, miscuglio di romanzi, scienze, 
novelle, cenere di latini e polvere 
di Greci. Ero alto come un in-folio. 
Due voci mi parlavano. Una, insidiosa e ferma, 
diceva:" La terra è come un dolce pieno di malìa;
io posso infonderti un appetito di volume
eguale: sentirai che piacere senza fine!".
L'altra:" Vieni! vieni a viaggiare nei sogni,
al di là del possibile e del conosciuto!".
E cantava come vento sulla spiaggia,
fantasma lamentoso, giunto chissà da dove,
che accarezza l'orecchio e insieme l'atterrisce.
Ti risposi:" Sì, dolce voce!". Da allora
iniziò quel che si può la mia piaga
e la mia fatalità! Dietro lo scenario
dell'esistenza immensa, nel più nero abisso,
vedo distintamente strani mondi
e, vittima estatica della mia chiaroveggenza,
trascino serpenti che mi mordono le scarpe.
Da allora, così come i profeti,
amo teneramente il mare ed il deserto,
rido nel dolore e piango nella gioia,
trovo di dolce gusto il vino più amaro,
prendo spessissimo fatti per finzioni
e con gli occhi al cielo cado nelle buche.
Ma la voce mi consola e dice: "Tieniti i sogni:
I saggi non ne hanno di così belli come i pazzi!".

(Charles Baudelaire - “La Voce” – da "Les Fleurs du Mal")

1 commento:

  1. anch'io cado nelle buche se tengo gli occhi fissi al cielo! :S

    RispondiElimina