giovedì, febbraio 07, 2013

Colore Visione e Creatività

Colore Visione e Creatività


Come ben sapete il colore è il risultato della decodificazione delle diverse lunghezze d'onda della luce riflessa, che viene percepita dai nostri occhi e mandata alle aree del cervello preposte per essere 'tradotta'. Nell'occhio troviamo due tipi di recettori: i coni, preposti alla visione dei colori (fotopica) e i bastoncelli, più sensibili al movimento,  alla visione al buio (scotopica). Questi 'sensori' lavorano in modo indipendente ed entrambi i tipi sono caratterizzati da differenti sensibilità alla luce. A loro volta i coni si dividono in tre categorie, quelli deputati alla visione del verde, del blu e del rosso (per ulteriori dettagli: http://it.wikipedia.org/wiki/Fotorecettore


Ora va precisato che non esiste un solo essere umano che percepisca il colore esattamente allo stesso modo, e per rendere più facile la comprensione di ciò vi basta pensare a quando vedete una foto a colori sul vostro pc, poi sul pc altrui e poi la stampate, avrete tre versioni sensibilmente diverse della stessa foto dal punto di vista cromatico (e spesso anche del contrasto). Accade la stessa cosa con gli occhi ed ancor più col colore 'immaginato', dite BLU a un gruppo di persone e state certi che ognuno di loro avrà visualizzato mentalmente una sfumatura di blu differente.

Va considerato anche che esistono patologie specifiche della visione del colore, come il daltonismo, che agiscono in modo differente a  seconda della percentuale o del tipo (non esiste un solo tipo di daltonismo a differenza di quanto comunemente si crede); online si trovano parecchi test facili facili da fare per autovalutarsi. Provate questo.

Prima di abbandonare l'argomento daltonismo vi invito a visitare anche l'utilissimo sito "Color Scheme Designer"  dove, oltre a poter sperimentare in tempo reale le combinazioni di colore più efficaci per il web (fornisce anche html), potete anche testare come queste vengono percepite in caso di problemi di visione del colore.

Tuttavia esiste anche una cosa chiamata 'intelligenza cromatica' ovvero la capacità di percepire e discernere finissime sfumature, trovate qui il test,  a differenza dei soliti Q.I. in questo meno punti fate più intelligenza cromatica avete (perchè ogni punto è un errore).

Henri Matisse disse: "Il colore soprattutto, forse ancor più del disegno, è una liberazione."

Nell'arte il colore, non più vincolato alla rappresentazione fotografica della realtà osservata, diventa mezzo di comunicazione espressiva, portatore di significati. Nel libro "Color Design Workbook" di Adams Morioka l'autore osserva che quando il colore è scelto nella specifica caratteristica reale che va a rappresentare viene definito colore 'locale', quando invece è inatteso o anomalo viene definito colore 'occulto'. Ad esempio: se una mela viene dipinta in sfumature di blu susciterà nell'osservatore interrogativi sul perchè quel colore insolito usato per descrivere un oggetto tanto familiare, questo probabilmente creerà una sorta di legame comunicativo con l'opera. In questo senso l'alterazione cromatica spinta diventa una chiave di espressione, ma anche una chiave interpretativa e un'astrazione dell'idea percettiva del colore (anche in presenza di un oggetto 'reale' nella sua forma). 

Ecco che la scelta del colore, tanto quanto quella della forma, acquisiscono nell'opera creativa un'importanza chiave. Questa è ben riconosciuta in ambito grafico comunicativo, forse meno esplorata e sentita in ambito pittorico amatoriale, dove per la maggiore si opta per un realismo cromatico o per una sorta di casualità cromatica emotiva.

Eppure anche la scelta del colore più banale mediante accostamenti pensati con altri colori influenza significativamente l'equilibrio di luce ed ombra, e vi sono dei colori che insieme 'vibrano' come se risuonassero reciprocamente. Non a caso i termini 'armonico' e 'cromatico' si utilizzano anche in ambito musicale, anche il suono dopotutto è dato da lunghezze d'onda differenti decodificate dal nostro cervello. Perciò in qualche modo i sette colori dell'iride, vanno ad accostarsi in una sorta di 'mistica' fratellanza con le sette note.


prossimamente affronterò il tema del colore come influenza sulla psiche e come simbolo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Tira fuori la tua creatività!

Nessun commento:

Posta un commento